Il Portici arranca, per il Monterotondo è troppo facile

Il Portici torna tra le mura amiche del San Ciro, per dare continuità alla vittoria contro il Tivoli, e continuare a far punti importanti per l’obiettivo salvezza. Sarnataro sceglie Numerato in regia e deve fare i conti con l’assenza di Orlando a causa di un problema non grave al ginocchio.

PRIMO TEMPO

Nei primi minuti di studio, il Portici non approccia la gara nel modo migliore e subisce la cattiveria degli uomini di Paris, pronti ad occupare la trequarti azzurra. La prima occasione, seppur non chiara, è per Numerato: al 14′, il numero 4 prende la mira e calcia, col pallone che si alza di poco sulla traversa. Cinque minuti dopo risponde Palladini, che calcia addirittura da centrocampo costringendo Schaeper a deviare preventivamente in angolo. Buona la pressione da ambo le parti, migliore sicuramente quella da parte degli ospiti. Il Portici fatica di più a trovare le sue trame di gioco. Un minuto dopo, però, è proprio il numero 8 ad insediarsi all’interno dell’area di rigore, saltando Maraucci e creando confusione; dopo un mucchio in area, acciuffa Baldassi e calcia trovando la rete del vantaggio. Buona l’uno due tra Coquin e Di Gennaro, al 24′, che permette al francese la conclusione, purtroppo poco precisa, di fronte a Benvenuti. Sei minuti dopo, è ancora qualche leggerezza difensiva, unita alla evidente aggressività dei laziali, a vedere il Monterotondo costruire la palla del raddoppio: Fontana, sulla destra, appoggia al centro per il solito Baldassi che incrocia troppo e si dispera. Dopo mezz’ora di gioco, Maravolo si fa buttare fuori per una gomitata, collezionando la quarta espulsione nelle ultime due gare casalinghe. Proprio nell’exta-time del primo tempo, arriva il raddoppio: su corner dalla destra, Baldassi pesca al centro Santi, che gira e sigla lo 0 a 2. Partita totalmente in salita; nei secondi quarantacinque minuti urge una reazione d’orgoglio.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa, Sarnataro lancia dentro Boufous e Castagna, togliendo Numerato e Stallone, e aumentando il tasso tecnico a centrocampo. A partire bene, però, sono ancora gli uomini di Paris: al 49′, Baldassi pesca Fontana che defilato, ma solo davanti allo specchio, calcia trovando l’opposizione di Schaeper. Cinque minuti dopo, su palla inattiva, Palladini serve al centro Fontana, ma la girata della punta finisce debole tra le mani del portiere azzurro. La gara cambia ancora al 62′, quando una grande punizione di Di Gennaro prova a risvegliare l’orgoglio del Portici. Forse l’episodio che possa riparire in maniera importante l’incontro. Tuttavia, al 73′, il Portici commette ancora un errore: in costruzione Castagna regala palla agli avversari e spalanca una prateria, palla larga a Tilli che rientra sul piede preferito e batte Schaeper all’angolino. Nuovamente due i gol di scarto con gli uomini di Paris, e ancora una volta errori di un Portici sicuramente in difficoltà, mentale e tattica. All’89’, il Portici prova a riaccendere la fiamma nel finale: dopo la punizione di Di Gennaro, su calcio d’angolo di Castagna svetta Riccio e batte per la seconda volta Benvenuti. In un finale piuttosto acceso, però, il Portici non riesce a giungere al pari, arrendendosi alla seconda sconfitta consecutiva in casa.

TABELLINO

PORTICI: Schaeper; Scorza, Senese (84′ Riccio), Maraucci, Amendola; Coquin (83′ Mirante), Numerato (46′ Boufous), Stallone (46′ Castagna), Di Gennaro; Festa (73′ Diop), Maravolo; all. Sarnataro

MONTEROTONDO: Benvenuti; Faccenna (63′ Carosi) , Calisto, Gianni, Santi; Meledandri, Tilli (87′ Costa), Sansotta (75′ Macrì), Palladini, Baldassi (50′ Di Vico); Fontana (63′ Albanesi); all. Paris

MARCATORI: 20′ Baldassi, 47′ Santi, 62′ Di Gennaro, 73′ Tilli, 90′ Riccio

NOTE: ammoniti Maravolo, Amendola, Senese, Baldassi, Facenna, Tilli; espulso Maravolo;

ARBITRO: Vittorio Emanuele Teghille di Collegno

Posted Under
Tagged